Close

Regolamento

Scarica il regolamento
Download

Art. 1 Rapporto di ospitalità

  1. L’utilizzo delle strutture abitative da parte degli ospiti e la vita comunitaria all’interno delle stesse sono disciplinati dal presente regolamento.
  2. Gli studenti e gli ospiti devono rispettare le regole di civile convivenza nonché i regolamenti comunali e condominiali.
  3. Il rapporto di ospitalità sorge al momento dell’assegnazione del posto letto.
  4. Contestualmente all’ingresso l’assegnatario del posto dovrà prendere atto del presente regolamento, consultabile in reception e scaricabile dal sito internet del Collegio (www.collegiosantachiara.com) e del sito dell’universita (www.uniupo.it) nonché del documento contenente l’informativa sulla prevenzione incendi ed emergenze e sottoscrivere la ricevuta di accettazione senza riserve del contenuto.
  5. La mancata osservanza dei disposti regolamentari comporta l’applicazione delle sanzioni di cui all’art. 13 e seguenti.
  6. Pur essendo il Collegio una istituzione cattolica l’accoglienza in esso è aperta a tutti, pertanto non è richiesta la partecipazione ad alcuna proposta di carattere religioso o confessionale. Tuttavia la direzione del Collegio si riserva la possibilità di offrire proposte di carattere celebrativo o formativo d’ispirazione cattolica ad adesione del tutto libera da parte degli assegnatari.

Art. 2 Accesso al collegio

  1. L’utente, alla consegna della chiave/badge della stanza assegnata, deve presentare:
    1. un documento di riconoscimento (carta d’identità, passaporto, permesso di soggiorno in corso di validità);
    2. la ricevuta di avvenuto versamento del deposito cauzionale secondo quanto previsto dalla direzione del Collegio;

b1. Il deposito cauzionale è a garanzia del pagamento per danni o guasti o in caso di addebiti per interventi a titolo oneroso. La restituzione del deposito cauzionale è subordinata all’assenza di debiti nei confronti del Collegio.

b2. La restituzione del deposito cauzionale avverrà secondo le modalità stabilite dalla Direzione. La somma dovrà essere ritirata dallo studente entro 90 giorni dalla data di valuta, oltre tale termine lo studente potrà richiedere il reintroito al costo delle spese di gestione pratica bancaria.

    1. una fototessera;
    2. idonea copertura sanitaria
  1. All’inizio del periodo di soggiorno il titolare del posto letto dovrà sottoscrivere, alla presenza di un incaricato del Collegio, il “verbale di consegna” sullo stato della stanza e degli arredi presenti così come accertati al momento della consegna della stessa.
  2. La mancata sottoscrizione del verbale di consegna fa venir meno l’assegnazione del posto letto.
  3. L’assegnatario del posto letto verrà ritenuto responsabile di tutti i danneggiamenti, salvo il deterioramento o il consumo derivanti dal normale uso dei beni assegnati. In caso di danni o ammanchi lo studente dovrà risarcire il Collegio.
  4. Contestualmente alla sottoscrizione del verbale di consegna lo studente riceverà la chiave/il badge della stanza di cui è vietata la duplicazione e la cessione a terzi.
  5. È fatto divieto di installare congegni di chiusura delle camere diversi da quelli esistenti.
  6. L’assegnatario della stanza è sempre responsabile della conservazione della chiave/del badge ricevuto.  La chiave deve essere consegnata ad ogni uscita dalla reception che la conserva per conto del solo assegnatario.
  7. Nel caso di furto o smarrimento delle chiavi/badge l’assegnatario  deve sporgere denuncia all’Autorità Competente e consegnare copia della denuncia alla Direzione del Collegio che provvederà a predisporre un duplicato della chiave/badge o la sostituzione della serratura a spese dell’ospite.

Art. 3 Permanenza nelle strutture abitative

  1. I periodi di fruizione del posto letto e le date di apertura e chiusura del Collegio, durante il periodo estivo, saranno comunicate in corso d’anno.
  2. Ogni qualvolta l’ospite si assenti per più di 3 giorni dal Collegio è tenuto a comunicarlo per iscritto, anche tramite mail, insieme alla data del rientro, al personale addetto. La mancata comunicazione comporta nei confronti dei trasgressori l’adozione da parte dell’amministrazione di provvedimenti disciplinari così come individuati dall’art. 13 e segg. salvo giustificato motivo documentato.
  3. Ogni qualvolta lo studente si assenti per più di 3 giorni dal Collegio è tenuto a comunicarlo per iscritto, anche tramite mail, insieme alla data del rientro, al personale addetto. La mancata comunicazione comporta nei confronti dei trasgressori l’adozione da parte dell’amministrazione di provvedimenti disciplinari così come individuati dall’art. 13 e segg. salvo giustificato motivo documentato.
  4. Gli assegnatari di posto letto che hanno conseguito il titolo relativo al corso di studi frequentato, dovranno lasciare il posto letto entro 10 giorni dalla data di conseguimento della laurea. Tale data dovrà essere comunicata alla segreteria del Collegio non appena resa ufficiale. Coloro che, permarranno nel Collegio oltre le 10 notti, saranno tenuti al pagamento della tariffa di residenzialità approvata dalla Direzione del Collegio relativamente alle notti indebitamente fruite.
  5. L’utente che non risulta assegnatario di posto letto per l’anno accademico successivo deve lasciare il posto letto presso il Collegio entro il termine previsto.
  6. I titolari di posto letto non possono cederne l’utilizzo a terzi né occuparne uno diverso da quello loro assegnato.
  7. Nel corso dell’anno accademico la Direzione del collegio si riserva la possibilità di procedere al trasferimento d’ufficio ad altra stanza qualora risultino necessari interventi non programmabili che rendano inutilizzabile la stanza o parte del collegio o ricorrano ragioni di convivenza o incompatibilità ambientale. Il trasferimento sarà disposto con determinazione motivata del Direttore. Il trasferimento d’ufficio può inoltre essere effettuato in casi eccezionali, diversi da quelli sopra elencati su decisione del consiglio di direzione del collegio.
  8. Il  Collegio qualora venga ravvisata la necessità di accertare che lo stato di salute di studenti assegnatari di posto letto non pregiudichi la vita in comunità, potrà richiedere in qualsiasi momento l’esibizione di certificazione medica di buono stato di salute. La mancata esibizione del certificato medico entro i dieci giorni successivi alla richiesta comporta la revoca del posto letto.
  9. In caso di malattia grave e/o contagiosa il Collegio potrà disporre l’allontanamento o trasferimento dell’utente dalla stanza, salvo diverse disposizioni impartite dal Servizio Sanitario Nazionale.

Art. 4 Norme di comportamento

  1. Gli ospiti, durante il soggiorno nel collegio, devono mantenere un comportamento responsabile improntato al reciproco rispetto, alla correttezza, all’educazione e alla civile convivenza, collaborando con gli altri ospiti e con il personale. Il mantenimento della qualità degli ambienti e dei servizi è affidato, oltre che al personale del Collegio, anche alla responsabilità degli studenti.
  2. Gli ospiti devono interrompere tra le ore 22.00 e le ore 8.00, sia nelle proprie camere sia negli spazi comuni, tutte le attività che comportano la diffusione di rumori arrecanti disturbo agli altri ospiti del Collegio e al vicinato.
  3. Nelle stanze è consentito utilizzare ventilatori, caffettiere elettriche, bollitori, p.c. (comprese relative stampanti e scanner), radio, stereo, TV, piccoli apparecchi per la cura personale (es.: phon, borse dell’acqua calda elettriche) e ciabatte multi presa. Le attrezzature dovranno essere marchiate CE con dichiarazione di conformità. In ogni caso il Collegio può vietare temporaneamente o in via definitiva tali apparecchiature in ragione dell’assorbimento a carico della rete. Complementi d’arredo possono essere introdotti nelle stanze solo se preventivamente autorizzati e purché a norma e collocati in modo da non ostruire le vie di fuga.
  4. È fatto divieto di:
    1. introdurre nel Collegio qualunque altra apparecchiatura (quali ad esempio: fornellini elettrici e a gas, tostapane, forni, ferri da stiro, friggitrici, vaporiere, condizionatori/climatizzatori, stufette elettriche o a combustibile) fatto salvo quanto previsto all’articolo 9, paragrafi lavanderia e stireria, Cucine, ai rispettivi  commi. Queste verranno rimosse e conservate fino al termine della permanenza in Collegio dell’ospite, e possono comportare l’adozione di provvedimenti disciplinari;
    2. fumare in tutte le camere e spazi comuni interni del Collegio;  
    3. introdurre nella struttura e tenere in camera materiali infiammabili, complementi d’arredo non ignifughi (es. tende, coperte), materiali esplodenti, materiali infiammabili anche di uso comune se non adeguatamente conservati;
    4. tenere animali di qualsiasi specie nei locali delle strutture abitative e nelle aree esterne ad esse connesse;
    5. attuare smontaggio, modifiche o adattamenti degli arredi nelle camere e negli spazi comuni; asportare mobili o attrezzature dai luoghi comuni;
    6. utilizzare attrezzature informatiche che possano alterare la funzionalità della rete internet (modem e/o routers) salvo autorizzazione;
    7. applicare adesivi o manifesti permanenti che arrechino danni direttamente su pareti, porte o arredi; esporre avvisi, cartelli o altro al di fuori degli spazi appositamente riservati;
    8. utilizzare gli spazi comuni come posteggio per automobili o motociclette e mezzi in genere degli ospiti interni ed esterni;
    9. manomettere gli interruttori protetti, i rilevatori di fumo e qualunque dispositivo in dotazione al Collegio;
    10. mettere in atto ogni sorta di azioni o scherzi che possano arrecare danno agli altri ospiti, al personale in servizio, ai passanti, al vicinato, alla struttura e ai beni presenti in essa;
    11. realizzare feste in camera, ai piani o in altri locali diversi da quelli indicati dalla Direzione, ovvero nei locali previsti senza la prescritta autorizzazione;
    12. cucinare nelle stanze non dotate di angolo cottura;
    13. abbandonare resti di cibi e bevande negli spazi comuni (comprese le cucine). Gli alimenti deperibili dovranno essere adeguatamente conservati nel frigorifero o in contenitori idonei. Ove necessario e opportuno il Collegio provvederà al loro smaltimento addebitando gli eventuali costi;
    14. gettare o depositare immondizie o rifiuti fuori dagli appositi contenitori. In caso di mancato rispetto delle disposizioni comunali concernenti la raccolta differenziata le eventuali sanzioni amministrative saranno addebitate all’assegnatario responsabile, ovvero in via solidale a tutti gli ospiti della struttura;
    15. collocare sui davanzali esterni delle camere e dei corridoi nonché sulle ringhiere dei balconi qualsiasi oggetto la cui caduta possa procurare danni a persone o cose direttamente o indirettamente;
    16. lasciare accese luci e apparecchi elettrici, nonché lasciare inserite prese di alimentazione di apparecchiature elettriche (phon, carica batterie, caffettiere, bollitori), lasciare aperti rubinetti all’uscita dalla camera;
    17. stendere indumenti al di fuori delle stanze e degli spazi comuni appositamente individuati nel Collegio.
  5. I costi di eventuali interventi di pulizia straordinaria saranno addebitati all’assegnatario responsabile; in assenza di identificazione di quest’ultimo, tali oneri saranno addebitati in via solidale a tutti gli ospiti del Collegio.

Art.5 Feste

  1. Gli ospiti possono organizzare presso il Collegio momenti di festa tenendo conto delle disponibilità di spazi, dei regolamenti condominiali e della normativa comunale.
  2. Le feste potranno essere:
    1. Piccole feste in locali chiusi. E’ possibile organizzare presso i locali della struttura piccole feste previa richiesta di autorizzazione al Direttore il quale identificherà il luogo più opportuno.
    2. Possono essere organizzate feste negli spazi aperti interni alla struttura previa autorizzazione e indicazione delle modalità da parte del Direttore del Collegio attenendosi alle linee guida previste dalla normativa in materia di sicurezza.
  3. Lo svolgimento delle feste è subordinato al rilascio di autorizzazione scritta del Direttore del Collegio. La richiesta, sottoscritta dagli organizzatori, deve essere presentata almeno 8 giorni lavorativi prima della data di svolgimento per le piccole feste in locali chiusi, 10 giorni lavorativi prima per le feste all’aperto.  L’orario di conclusione è definito di concerto dagli organizzatori e dal Direttore del Collegio.
  4. Gli organizzatori devono essere ospiti del Collegio e si assumono la responsabilità del buon andamento della manifestazione, dell’osservanza delle regole, dei comportamenti posti in essere da parte degli ospiti, del risarcimento dei danni arrecati ai beni del Collegio , della pulizia e del riordino degli spazi dopo l’evento.
  5. La direzione del collegio si riserva la facoltà di non concedere l’autorizzazione alla realizzazione dell’evento se gli assegnatari organizzatori non forniscono adeguate garanzie di osservanza delle regole o qualora le abbiano già violate in occasione di precedenti eventi.
  6. Gli organizzatori dovranno impegnarsi a:
    1. rispettare il limite di esposizione sonora, misurata all’esterno dell’edificio, per tutto il corso della serata, nel rispetto delle normative di legge. In caso contrario, previa intimazione, verranno presi gli opportuni provvedimenti;
    2. provvedere ad ogni adempimento SIAE che si renda necessario;
    3. assumersi l’onere derivante da ulteriore personale richiesto per la vigilanza laddove il responsabile di struttura ne ravvisi la necessità, nonché l’onere per l’attrezzatura e i servizi finalizzati alla festa;
    4. provvedere al ripristino della condizione iniziale del locale;
    5. assumersi l’onere derivante dal servizio di pulizia straordinaria del locale e della zona antistante qualora si rendesse necessario;
    6. assicurare il normale svolgimento della festa con obbligo di far rispettare le norme del presente regolamento ed assumendosi la responsabilità per ogni fatto contrario al regolamento;
    7. i partecipanti esterni verranno registrati presso la reception del Collegio dove lasceranno un documento d’identità che sarà riconsegnato all’uscita dal personale di sorveglianza;
    8. ai partecipanti che non sono ospiti della struttura nella quale si svolge la manifestazione è consentito l’accesso al solo locale dove si svolge l’evento;
    9. le feste dovranno concludersi entro l’orario previsto nell’autorizzazione;
    10. gli organizzatori sono responsabili della buona conservazione dei locali e dei beni avuti in uso;
    11. gli organizzatori si devono rendere responsabili di fronte alle autorità di pubblica sicurezza fornendo le proprie generalità in caso di violazioni.

Art. 6 Visite

  1. Gli ospiti del Collegio possono ricevere visite dalle ore 08.00 a un’ora dopo la mezzanotte del medesimo giorno. Dopo tale orario non è consentito agli esterni l’accesso al Collegio né la permanenza in esso. Lo stesso vale anche per gli appartamenti presenti all’interno della struttura.
  2. Per accedere al Collegio i visitatori devono consegnare un documento di riconoscimento e se stranieri non appartenenti all’UE anche copia del permesso di soggiorno, e il personale di reception provvederà a chiedere il consenso del destinatario della visita.
  3. Le visite sono ammesse in compresenza dell’assegnatario e soltanto all’interno della camera assegnata, nella hall e nei locali comuni, con esclusione dei locali lavanderia.
  4. In camera non è consentito di norma ricevere più di due ospiti per volta. Si possono ricevere fino a 5 visitatori previa autorizzazione del direttore del Collegio. In tutti i casi nelle camere a più letti, è necessario il consenso di tutti gli occupanti la stanza.
  5. Negli spazi comuni, cucine comprese, il numero degli ospiti non deve pregiudicare in alcun modo l’uso dei medesimi ai residenti che ne sono i fruitori prioritari. In caso contrario gli ospiti esterni dovranno rendere immediatamente disponibili i locali.
  6. L’accesso da parte di minori è consentito quando essi facciano parte del nucleo familiare dell’ospite o quando siano accompagnati da adulti che ne sono responsabili.
  7. Il personale addetto potrà precludere l’ingresso a soggetti che siano stati interdetti all’accesso, siano stati segnalati o siano già noti per non aver osservato un comportamento civile e fondato sul reciproco rispetto nell’uso delle strutture abitative e nei rapporti con gli ospiti e col personale in servizio presso la struttura.
  8. Per motivi di sicurezza, con particolare riferimento alla capienza massima della struttura o delle singole parti di essa, il personale potrà limitare l’accesso dei visitatori o allontanarli dal Collegio.
  9. L’assegnatario è responsabile in solido per i danni arrecati al Collegio e/o per le violazioni al presente regolamento da parte di terzi visitatori.
  10. In deroga al comma 1 è consentito, previa richiesta che dovrà pervenire presso la reception, prolungare la permanenza di un ospite in camera a condizione che:
    1. siano rispettate le condizioni di sicurezza (compresa la massima capienza della struttura o di parti di essa);
    2. vi sia (in caso di camera multipla) l’assenso scritto di tutti gli assegnatari della camera;
    3. in nessun caso sia arrecato disturbo agli altri ospiti. Tale possibilità è subordinata a criteri di rotazione e saltuarietà. È inoltre saltuariamente consentita la permanenza di ospiti negli spazi comuni oltre le ore 01.00 previa autorizzazione del Direttore. Le visite in deroga al comma 1, nel rispetto comunque della privacy, saranno riportate su apposito registro consultabile dai residenti.

Art. 7 Dotazioni e pulizie delle camere assegnate

Dotazioni

  1. Il Collegio fornisce agli ospiti del corredo da camera (coperte, copriletto, ecc.) che deve essere restituito in buone condizioni all’atto del rilascio della stanza. In caso di perdita o di danneggiamento provocato l’ospite è tenuto al risarcimento del danno.
  2. Viene assicurato il periodico rifornimento di biancheria (lenzuola, federe). Nel giorno ed ora indicati gli ospiti devono consegnare la biancheria da lavare e ricevono in cambio quella pulita. L’ospite è tenuto obbligatoriamente ad effettuare il cambio biancheria almeno una volta ogni 15 giorni.
  3. La biancheria non deve essere utilizzata in modo improprio.
  4. Costituisce dotazione del posto letto l’insieme delle utenze (luce, acqua, corrente elettrica e riscaldamento) e l’uso degli spazi comuni.

Pulizie e decoro

  1. Il mantenimento del decoro e della funzionalità dei beni messi a disposizione dell’ospite è a carico dell’assegnatario.
  2. Il Collegio non si assume nessuna responsabilità per gli oggetti o denaro degli assegnatari sia nella camera/alloggio sia negli spazi comuni.
  3. Ogni ospite è tenuto a mantenere la propria camera, il bagno, la cucina, il terrazzo/balcone ove presente in buone condizioni igienico-sanitarie. Il Collegio provvederà ad effettuare controlli periodici tramite il personale incaricato per verificare lo stato di igiene e pulizia. In caso di non conformità con standard igienico-sanitari accettabili, la pulizia straordinaria sarà addebitata all’assegnatario.
  4. Nel caso l’ospite riscontri la presenza di insetti infestanti è tenuto a comunicarlo immediatamente al personale in servizio al fine di evitarne la proliferazione. Qualora la presenza dei suddetti insetti sia imputabile a scarse condizioni igieniche l’utente assegnatario di posto letto è tenuto a compartecipare al costo delle spese di disinfestazione e di pulizia nella misura del 50%, ma non oltre la somma depositata quale cauzione, che verranno quantificate in base al tipo di intervento. Qualora la disinfestazione si renda necessaria per mancata comunicazione dell’infestazione vi sarà la compartecipazione al 50% delle spese sostenute. L’ospite non potrà avanzare alcuna richiesta di risarcimento e dovrà attenersi ai protocolli di disinfestazione attenendosi strettamente alle prescrizioni.

Art. 9 Uso degli spazi comuni

  1. Gli assegnatari hanno l’obbligo di collaborare al mantenimento della pulizia e del decoro delle parti comuni.
  2. In caso di gravi inadempienze, la Direzione provvederà a far effettuare una pulizia straordinaria addebitando l’onere ai responsabili collettivamente o singolarmente individuati.
  3. In situazioni di comprovata necessità la Direzione si riserva la possibilità di interdire l’accesso agli spazi comuni.
  4. L’amministrazione provvederà alle opportune disinfezioni e alla pulizia straordinaria di tutti i locali durante la chiusura estiva. Per questo motivo tutti gli spazi comuni dovranno essere liberati da qualsivoglia oggetto personale.
  5. Non è previsto l’utilizzo, da parte degli assegnatari, degli spazi del collegio  per riti e celebrazioni di natura religiosa fatta eccezione per la cappella cattolica che è a disposizione degli stessi. Eventuali celebrazioni in essa devono essere approvate dalla direzione.
  6. 7. L’utilizzo degli spazi comuni è consentito agli ospiti del Collegio in tutti gli orari, fermo restando quanto previsto all’art. 4 comma2

Art. 10 Servizi

Così come previsto dal Protocollo d’intesa tra la Diocesi di Alessandria e l’Università del Piemonte Orientale sottoscritto in data 21/06/2018, il Collegio si impegna a fornire agli ospiti i seguenti servizi:

  • Consegna di n. 2 set di biancheria
  • Pulizia bisettimanale delle parti comuni
  • Pulizia giornaliera delle cucine
  • Pulizia periodica straordinaria (2 volte l’anno)
  • Reception dal lunedì al venerdì con orario dalle 7.30 alle 19.30. in presenza, e su chiamata, in caso di necessità anche il sabato e la domenica.  Si garantisce la possibilità di effettuare il check-in/check-out in qualsiasi orario.
  • Manutenzione ordinaria e straordinaria
  • Utenze, compresa la Tari, e spese generali

 

Sono inoltre a disposizione degli ospiti del Collegio i seguenti servizi:

Lavanderia e stireria

  1. Sono presenti lavatrici,  essiccatoi, attrezzature per stirare; l’utilizzo è riservato ai residenti della singola struttura ed è garantito unicamente per il periodo di fruizione del posto letto. I costi sono a carico dell’ospite. I servizi di lavaggio e di essicamento della biancheria sono garantiti tutti i giorni, compresa la domenica, dalle ore 0.00 alle ore 24.00, nei giorni di apertura della struttura.
  2. L’utilizzo della macchina è consentito previa prenotazione da effettuarsi con sottoscrizione sull’apposito registro disponibile presso la reception del Collegio.
  3. All’inizio del turno la reception consegna all’utente la chiave o il badge del locale lavanderia e le attrezzature per stirare. Nel caso in cui l’assegnatario ne sia provvisto può utilizzare le proprie attrezzature.
  4. La prenotazione dà diritto esclusivamente all’utilizzo di una macchina per turno.
  5. La prenotazione viene cancellata in caso di ritardo superiore a 20 minuti nell’utilizzo delle apparecchiature.
  6. L’utente può rinunciare al turno o chiederne la modifica previa comunicazione con preavviso minimo di un’ora al personale della reception.
  7. Al termine del turno l’utente deve provvedere a: – scaricare la macchina utilizzata onde consentirne l’impiego da parte dell’utente successivo. In caso contrario quest’ultimo è autorizzato allo scarico della macchina degli indumenti altrui, ivi abbandonati, per effettuare il lavaggio o l’essiccamento della propria biancheria; – riconsegnare la chiave-il badge del locale al personale della reception e apporre la propria firma sull’apposito registro.
  8. Le attrezzature per stirare devono essere restituite dopo l’uso.
  9. Di ogni eventuale danno all’attrezzatura, apportato da sé o da altri, deve essere data tempestiva comunicazione alla reception, tramite la compilazione del “Modulo di Constatazione del Danno” per consentire il ripristino della piena funzionalità e la determinazione di eventuali responsabilità.
  10. È vietato l’utilizzo dei servizi oggetto del presente articolo per conto di persone esterne non ospiti della struttura.

Cucine

  1. Gli utenti non devono allontanarsi durante la cottura dei cibi, non devono lasciare accese le piastre elettriche in loro assenza, devono lasciare la cucina pulita e in ordine dopo l’uso.
  2. È vietato cuocere e versare liquidi, compresi i prodotti per le pulizie, direttamente sulle piastre.
  3. È vietato manomettere gli interruttori protetti che si trovano nelle cucine.
  4. Nel caso delle cucine comuni, gli ospiti potranno trattenersi soltanto il tempo necessario al consumo del pasto al fine di garantire la rotazione.
  5. Nelle cucine, previa autorizzazione del responsabile di struttura, possono essere introdotti forni a microonde, vaporiere e altre attrezzature specifiche purché a norma. Tali apparecchiature se lasciate nella cucina saranno da considerarsi a disposizione di tutti gli ospiti. In ogni caso la direzione può vietare temporaneamente o in via definitiva tali apparecchiature in ragione dell’assorbimento a carico della rete o della saturazione dello spazio disponibile.  

Palestre

Il Collegio provvede a stabilire una convenzione con una palestra nelle vicinanze. Le tariffe per poter accedere ad essa sono determinate annualmente dal Collegio e devono essere corrisposte con le modalità da quest’ultimo stabilite.

Percheggio e bike sharing

Sono a disposizione degli ospiti del Collegio 22 posti auto e un servizio di bike sharing il cui utilizzo a pagamento deve essere concordato con la direzione del Collegio.

Rete Internet

  1. La connessione internet è assicurata secondo la portata installata della rete.
  2. Tutte le attrezzature presenti nella struttura sono messe a disposizione unicamente agli utenti regolarmente autorizzati tramite concessione di username/password.
  3. All’utente che intende utilizzare la rete del Collegio viene rilasciato un account attivo . Tramite username/password ogni accesso alla rete viene associato alla persona fisica cui imputare le attività svolte.
  4. Per utilizzare PC di proprietà degli studenti/ospiti questi devono richiedere la registrazione del client attraverso l’indirizzo MAC.
  5. Il Collegio adotta misure per il monitoraggio delle attività previste dalla Legge 31 luglio 2005, n. 144 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 177 del 1^ agosto 2005 riguardante le misure per il contrasto del terrorismo internazionale e successive modificazioni ed integrazioni.
  6. Il sistema operativo e tutti i moduli e programmi messi eventualmente a disposizione su PC del Collegio non possono essere copiati e installati su dispositivi diversi.t
  7. Il codice di accesso è strettamente personale e può essere utilizzato unicamente dall’intestatario. Ogni attività non regolare verrà imputata al titolare dell’account o del client autorizzato.
  8. È vietato l’uso e l’installazione di programmi di hacking (anche se di pubblico dominio) e di software illegalmente copiato o di altro materiale che violi le leggi italiane ed internazionali sul copyright e sui diritti di autore o che infranga le leggi in materia di tutela dei dati personali.
  9. L’utente che ottiene l’accesso alla rete si assume la totale responsabilità delle attività svolte.
  10. È vietato usare la rete:
    1. in modo difforme da quanto previsto dal presente regolamento, in modo difforme da quanto previsto dalle leggi penali, civili e amministrative in materia di disciplina delle attività e dei servizi svolti sulla rete;
    2. per conseguire l’accesso non autorizzato a risorse di rete interne o esterne al Collegio;
    3. per commettere attività che violino la riservatezza di altri utenti o di terzi, per attività che influenzino negativamente la regolare operatività della rete o  ne restringano l’utilizzabilità e le prestazioni, per attività che provochino trasferimenti non autorizzati di informazioni;
    4. per attività che violino le leggi a tutela delle opere dell’ingegno;
    5. usare l’anonimato o servirsi di risorse che consentano di restare anonimi
  11. Inoltre sono vietate le seguenti attività:
    1. collegare apparecchiature hardware (router, access point, powerline etc.);
    2. installare e/o utilizzare servizi o software non autorizzati per l’accesso alla rete del Collegio;
    3. diffondere virus, hoaxes o altri programmi che danneggino l’attività’ di terzi;
    4. creare, trasmettere o diffondere qualunque immagine, dato o altro materiale offensivo, diffamatorio, osceno o che attenti alla dignità umana;
    5. trasmettere materiale commerciale e/o pubblicitario non richiesto (“spamming”);
    6. danneggiare, distruggere, cercare di accedere senza autorizzazione ai dati o violare la riservatezza di altri utenti, comprese l’intercettazione e la diffusione di parole di accesso e chiavi crittografiche riservate.

Barbecue

  1. Il Direttore della struttura stabilisce il numero massimo di persone che potranno utilizzare il barbecue contemporaneamente comunicandolo ai residenti tramite l’esposizione in bacheca di apposito avviso.
  2. L’utilizzo è consentito previa richiesta scritta mediante l’apposito modulo disponibile presso le reception che dovrà essere sottoscritto e riconsegnato in reception da un utente responsabile per il gruppo.
  3. Gli eventuali ospiti esterni sono assoggettati alle medesime norme del Regolamento interno del Collegio.
  4. I fruitori del servizio dovranno:
    1. garantire il ripristino dello stato iniziale degli spazi;
    2. provvedere alla pulizia degli spazi; – provvedere alla rimozione dei rifiuti prodotti e al conferimento negli appositi cassonetti;
    3. riconsegnare la griglia fornita in dotazione, pulita ed integra;
    4. segnalare eventuali danni alle attrezzature;
    5. assicurarsi del totale spegnimento del barbecue al termine dell’uso;
  5. Si fa divieto di:
    1. accendere il barbecue con la legna. È consentito il solo utilizzo della carbonella;
    2. accendere fuochi a terra.
  6. Lo studente richiedente è responsabile del comportamento dei partecipanti e dei danni eventualmente arrecati alle attrezzature del Collegio.

Conservazione effetti personali

  1. Il deposito di oggetti personali da parte degli ospiti delle residenze è consentito in appositi locali, nei seguenti casi:
    1. chiusura estiva della residenza;
    2. soggiorni di studio all’estero.
  2. Gli effetti personali devono essere contenuti in colli aventi le caratteristiche di seguito riportate: – n° massimo 4 delle dimensioni 50x70x40  ciascuno; – chiusi; – riportanti, in modo visibile, l’indicazione del proprietario; – numerati progressivamente; – firmati dall’ospite sui lembi di chiusura.
  3. Per il deposito di un numero maggiore di colli deve essere fatta specifica richiesta al direttore del Collegio che potrà negarla in relazione alla disponibilità di spazio.
  4. La consegna e il ritiro dei colli avvengono alla presenza di un responsabile del Collegio che verifica la regolarità delle operazioni e redige apposito verbale.
  5. Qualora il deposito avvenga in occasione della chiusura estiva del Collegio i colli devono essere ritirati entro il 30 settembre successivo.
  6. Qualora il deposito avvenga in occasione di soggiorni di studio all’estero, o per altre motivazioni precedentemente autorizzate dalla direzione, i colli devono essere ritirati alla fine del soggiorno, il cui termine di scadenza deve essere indicato sul modulo di consegna al momento del deposito. In caso di mancato ritiro dei colli entro i termini previsti, la direzione provvede a dare comunicazione all’ospite mediante invio di lettera all’ultimo indirizzo noto e fissando un termine perentorio per il ritiro.
  7. Qualora l’ospite non ritiri i colli anche entro tale termine, il Collegio provvede alla loro definitiva rimozione ed allo smaltimento degli stessi presso la pubblica discarica, essendo stato all’uopo autorizzato dall’ospite con sottoscrizione del modulo di consegna.
  8. In deroga a quanto previsto dagli art. 1766 e seguenti del codice civile, l’ospite solleva il Collegio da ogni responsabilità, sia civile che penale, in merito alla custodia dei beni lasciati nel Collegio ed assume su di sé ogni relativo onere e responsabilità.
  9. Per ogni oggetto o collo lasciato incustodito nei locali delle residenze o all’interno delle camere liberate e riconsegnate dagli ospiti, ad eccezione del locale adibito a deposito, il Collegio provvederà allo smaltimento presso pubblica discarica.

Ospitalità

  1. Presso il Collegio e secondo le disponibilità possono essere ammessi ospiti degli assegnatari di posto letto.
  2. Il servizio può essere richiesto dallo studente durante l’intero anno accademico, per un massimo di 14 notti anche non consecutive. Non sono ammessi ospiti minori.  .
  3. L’assegnatario che intende usufruire del servizio è tenuto a farne richiesta entro 72 ore (3 giorni lavorativi) precedenti il giorno in cui si vuole far iniziare la permanenza consegnando l’apposito modulo; il pagamento della tariffa corrispondente avviene alla consegna della stanza. In caso di prenotazione non fruita per qualsiasi ragione e non disdetta entro le 48 ore precedenti, il corrispettivo dell’originaria prenotazione sarà posta a debito dell’utente o .
  4. Il check-in potrà avvenire a partire dalle ore 13.00 del giorno di arrivo e il check-out entro le ore 10.00 del giorno di partenza. In caso di danneggiamenti imputabili all’ospite, sarà tenuto al risarcimento lo studente che ha richiesto il servizio a valere sulla sua cauzione.

Art. 10 Controlli ed ispezioni

  1. Il Direttore del Collegio mantiene copia delle chiavi/badge di accesso alle camere.
  2. La direzione del Collegio può accedere a qualsiasi ambiente per verificare lo stato di pulizia, il sussistere di violazioni del regolamento ed effettuare sopralluoghi tecnici. In tal caso l’ospite sarà preavvisato entro le 48 ore precedenti tramite una mail contenente l’orario e il motivo del sopralluogo e potrà assistere al medesimo. A seguito della comunicazione del sopralluogo e in caso di assenza dell’assegnatario o di irreperibilità dello stesso, il personale addetto è comunque autorizzato all’ingresso in camera. Qualora si renda necessario l’ingresso in camera per verifiche tecniche imprevedibili o urgenti l’utente verrà informato tempestivamente anche a mezzo telefono e se irreperibile la verifica verrà comunque eseguita.
  3. Nel caso in cui vi sia fondato motivo di ritenere che siano in atto violazioni del presente regolamento e/o uno stato di emergenza o pericolo potranno essere effettuati controlli, anche senza preavviso avvalendosi, se necessario, delle forze dell’ordine.

Art. 11 Rappresentanza

Gli utenti ospitati nel Collegio, possono, di loro iniziativa, individuare un “referente” che si faccia carico dei rapporti con la Direzione del Collegio.

Art. 12 Responsabilità e risarcimenti danni

  1. L’utente è responsabile della buona conservazione dei locali e dei beni assegnatigli in godimento.
  2. L’utente, per i danni arrecati personalmente o dai propri visitatori, ai beni avuti in uso è tenuto al risarcimento; qualora non provveda entro 10 giorni dal provvedimento di richiesta troverà applicazione quanto previsto dall’art. 16.

Ove il danneggiamento/manomissione abbia per oggetto impianti di sicurezza si darà luogo alla comunicazione alle autorità di pubblica sicurezza.

  1. Nel caso di camere a più letti la responsabilità per eventuali danni è suddivisa fra tutti gli occupanti salvo che non risultino responsabilità individuali.
  2. La responsabilità per i danni arrecati ai beni che si trovano nei locali comuni e/o per la loro sottrazione è ripartita fra tutti gli ospiti della struttura qualora non siano state accertate responsabilità individuali; qualora il danno e/o la sottrazione riguardi i beni che si trovano nei locali adibiti a servizi comuni, il cui utilizzo risulta da appositi registri, la responsabilità è attribuibile a tutti coloro che hanno utilizzato il bene nelle 24 ore precedenti l’accertamento del danno e/o della sottrazione, quando non risultano responsabilità individuali; l’utente, al momento dell’utilizzo, è tenuto a segnalare al personale incaricato gli eventuali danni o malfunzionamenti riscontrati.
  3. Qualora non sia possibile accertare responsabilità individuali, la contestazione rivolta a tutti gli ospiti della struttura verrà effettuata mediante affissione di idonea comunicazione presso la reception del Collegio.
  4. Il Collegio non si assume alcuna responsabilità per fatti o reati perpetrati da terzi a danno degli ospiti. Resta ferma la responsabilità personale sia per i danni arrecati alla struttura quanto a terzi impregiudicata ogni altra azione civile e/o penale.

Art. 13 Provvedimenti disciplinari e procedura

  1. Per la valutazione degli eventuali provvedimenti disciplinari è istituito un Consiglio disciplinare del Collegio presieduto dal Direttore.
  2. Le violazioni del presente regolamento e di altre disposizioni preventivamente rese note comportano l’applicazione di sanzioni così graduate:
    1. ammonizione
    2. multa
    3. revoca del posto letto
  3. L’ammonizione e la multa e la revoca del posto letto, saranno comminati dal Consiglio disciplinare.
  4. Il Consiglio disciplinare avvia il procedimento notificando, anche via mail, contestazione scritta delle violazioni al presente regolamento. Qualora non sia possibile accertare responsabilità individuali, la contestazione viene effettuata a tutti gli ospiti rispettivamente della camera, o del Collegio mediante notifica collettiva via mail nonché per mezzo di avviso pubblicato negli appositi spazi.
  5. L’assegnatario ha il diritto di presentare per iscritto al Consiglio Disciplinare, entro 10 giorni dal ricevimento/affissione della contestazione, le proprie controdeduzioni. Decorso tale termine il Consiglio disciplinare può:
    1. accettare le controdeduzioni determinando la chiusura del procedimento disciplinare con l’archiviazione;
    2. respingere le controdeduzioni e comminare una delle sanzioni previste dal comma 1 del presente articolo.
  6. Avverso i provvedimenti del Consiglio disciplinare è ammesso, entro 10 giorni dalla comunicazione della sanzione, il ricorso al Direttore che decide in via definitiva, sentiti gli interessati, entro i successivi 30 giorni. Dell’audizione viene redatto idoneo verbale.
  7. Il Consiglio disciplinare, in casi di elevata gravità, può disporre, con provvedimento motivato, la temporanea interdizione all’accesso alla struttura in pendenza di procedimento disciplinare per comportamenti e fatti per i quali sia applicabile la sanzione della revoca del posto letto o dei benefici.

Art. 14 Ammonizione

  1. L’ammonizione consiste in un richiamo scritto e motivato all’assegnatario.
  2. L’ammonizione è applicabile a:
    1. comportamento non improntato al reciproco rispetto, alla correttezza, all’educazione ed alla civile convivenza con gli altri ospiti e col personale;
    2. violazione, ove esistente, del regolamento del Collegio reso disponibile alla consultazione;
    3. utilizzo dei cortili, corridoi, sale di lettura e salette ai piani per giochi o passatempi che arrechino disturbo;
    4. occupare un posto letto presso la struttura assegnata diverso dal proprio;
    5. mancata interruzione tra le ore 22.00 e le ore 8.00, sia nelle proprie camere sia negli spazi comuni, di tutte le attività che comportano la diffusione all’esterno di rumori arrecanti disturbo al vicinato e agli altri ospiti della Residenza del Collegio;
    6. introduzione di attrezzature o apparecchiature o arredi e complementi d’arredo non autorizzati (art. 4 c.3);
    7. utilizzo degli spazi comuni come posteggio per veicoli a motore e mezzi in genere;
    8. ricevere visite nei locali e nei servizi comuni al di fuori dei casi previsti dal regolamento;
    9. abbandono di resti di cibi e bevande nei locali cucina e negli spazi comuni;
    10. stendere i propri indumenti in spazi comuni diversi da quelli a ciò dedicati;
    11. mancata o ritardata dichiarazione di assenza .
  3. L’applicazione della seconda ammonizione per la medesima violazione nel corso dello stesso anno accademico comporta l’applicazione della multa come disciplinato nell’art. 15

Art. 15 Multa

  1. La multa consiste in una sanzione pecuniaria da € 25,00 a € 150,00 da pagarsi entro il termine di 10 giorni dal ricevimento del provvedimento scritto secondo le fattispecie seguenti:
    1. Introdurre nella struttura qualunque apparecchiatura pericolosa e/o non a norma e/o diversa da quelle autorizzate – € 50,00
    2. Fumare in tutte le camere e spazi comuni non all’aperto del Collegio, nella misura disposta dalla legge in materia di fumo – € 150
    3. Tenere animali di qualsiasi specie nei locali della struttura abitative e nelle aree esterne ad esse connesse – € 25,00
    4. Attuare, smontaggi, modifiche o adattamenti degli arredi nelle camere e negli spazi comuni, sottrarre mobili o attrezzature dai luoghi comuni – € 50,00
    5. Applicare adesivi o manifesti permanenti che arrechino danni direttamente su pareti, porte o arredi; esporre avvisi, cartelli o altro al di fuori degli spazi appositamente riservati – € 150,00
    6. Manomettere gli interruttori protetti, i rilevatori di fumo e qualunque dispositivo in dotazione alla struttura – € 150,00
    7. Aver messo in atto azioni o scherzi che hanno recato danno agli altri ospiti o al personale in servizio, ai passanti e vicinato, o alla struttura e ai beni presenti in essa (oltre eventuali risarcimenti del danno) – € 100,00
    8. Collocare sui davanzali esterni qualsiasi oggetto la cui caduta possa arrecare danno, direttamente o indirettamente, a persone o cose – € 25,00
    9. Lasciare attivi i punti di illuminazione interni e di erogazione acqua all’uscita dalla camera – € 150,00
    10. Fare feste senza autorizzazione – € 150,00
    11. Ricevere visite in violazione del disposto di cui all’art. 6  – € 100,00
    12. Trasgredire le specifiche regolamentazioni sui servizi interni alle strutture abitative di cui all’art.9 – € 50,00
    13. Trasgredire le disposizioni in materia di raccolta differenziata, fermo restando la sanzione amministrativa comunale – € 25,00
    14. Aver cumulato due ammonizioni per la stessa violazione nel medesimo anno accademico – € 100,00
  2. L’applicazione di due sanzioni pecuniarie ciascuna di € 100,00 o superiore nel corso dello stesso anno accademico comporta la revoca del posto letto assegnato all’ospite.

Art. 16 Revoca del posto letto

  1. La revoca del posto letto può essere disposta dal direttore del Collegio nei seguenti casi:
    1. permanenza di visitatori in struttura durante la fascia oraria notturna al di fuori dei casi previsti dall’art 6;
    2. violazione del presente regolamento da parte di un assegnatario già destinatario di sanzioni pecuniarie come disciplinato dall’art. 15;
    3. comportamenti contrari all’ordine pubblico, al buon costume, in ogni caso costituente illecito ovvero aver procurato danno all’immagine del Collegio tale da ingenerare discredito nella generalità dei cittadini, negli utenti – anche potenziali – e nelle loro famiglie;
    4. introduzione nel Collegio di sostanze nocive o infiammabili di uso non domestico;
    5. mancato utilizzo del proprio posto letto secondo le modalità previste dall’art.3 comma 2;
    6. mancata esibizione del certificato medico entro i dieci giorni successivi alla richiesta;
    7. in caso di mancato pagamento della sanzione pecuniaria entro i termini previsti dall’art. 15 comma 1 o del risarcimento secondo quanto previsto dall’art 12 comma 2, trascorsi inutilmente ulteriori 20 giorni. Il pagamento del dovuto se superiore ai 100 euro potrà essere rateizzato in massimo quattro rate e comunque entro la data di abbandono della struttura. Il mancato pagamento di una rata comporta la revoca immediata del posto letto.

Art. 17 Informativa sulla privacy degli ospiti

  1. Ai sensi del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 19 e s.m.i., i dati personali raccolti sono destinati al complesso delle operazioni previste per la realizzazione delle finalità istituzionali dell’Ente.
  2. Titolare del trattamento dei dati personali raccolti è il Collegio.

 

X